«Nella loro vita i vari eroi della storia non fecero che seguire l’ esempio del più grande eroe, Cristo, che diede la Sua vita per mostrarci appunto questo esempio: di essere preparati, quale che ne sia il costo per noi stessi, o compiere il nostro dovere per gli altri. Nella Sua vita sulla terra, Egli visse nelle medesime condizioni in cui molti di noi oggi vivono, cioè come un uomo qualsiasi. perciò nelle peggiori difficoltà non avete che volgervi a Lui e pensare: “Cosa avrebbe fatto Cristo al mio posto?”. E subito vi apparirà chiaro come affrontarle. Se fate questo non potrete sbagliarvi di molto, e chissà, potrete voi stessi diventare eroi».
[B.P. L’educazione non finisce mai. Pensieri per adulti. pg 42]Quando rileggo queste parole di B.- P. vi ritrovo quell’orizzonte Cristiano che abbraccia la vita di quanti hanno fatto della Promessa Scout l’anima delle proprie scelte quotidiane piccole e grandi. Nelle parole, precedute dall’invocazione con l’aiuto di Dio, c’è il  motore di avviamento del nostro vivere quotidiano.

B.- P.  ha uno stile sobrio ed asciutto: è lo stile dell’educatore che ha padronanza di sé. Sappiamo di certo cogliere le sfumature e lo spessore che hanno espressioni come: “seguire l’esempio”, “dare la propria vita”, “essere preparati”, “compiere il proprio dovere” nella consapevolezza che “Chi rimane in me e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete fare nulla” [Gv 15,5].

Grande era la consapevolezza di Francesco d’Assisi a tal proposito…

CONTINUA…

Buona Caccia.

Don Angelo Balcon. Baloo d’ Italia.

 

Caricando...