Carissimi Vecchi Lupi,

In vista delle attività estive vi proponiamo una Caccia Francescana realizzata dai Branchi “Della Rupe” e “Roccia della Pace” del Gruppo Jesi 1. Può essere un utile strumento sia durante le Vacanze di Branco, sia per una riunione del Consiglio di Akela! Un grazie a Stefano Cimarelli per il contributo! Trovate l’articolo in formato PDF a fondo pagina.

Buona Caccia!

 

Caccia Francescana dei 5 elementi 

Obiettivi

  • Conoscenza e rispetto del Creato.
  • Approfondimento sulla figura di Francesco, in particolare del Cantico delle Creature.

 Preparazione

  • Aver conosciuto o almeno ascoltato il testo del Cantico delle Creature.
  • 7 personaggi: Frate Leone (accompagnatore – indossa un saio), fratello fuoco, sorella acqua, madre terra, fratello vento, uomo, Francesco (indossa un saio).
  • 5 postazioni dove si ascolta un personaggio; non è necessario un travestimento.
  • 5 cartelli/disegni che indicano l’elemento; uno su ogni postazione.
  • Fogli di carta di 4 diversi colori (per gli elementi naturali fuoco, acqua, terra, aria) con scritti i nomi dei Lupetti.
  • Lumini di cera, pietre (da poter tenere in tasca), girandole, cuori in cartoncino colorato, cordini con il nodo cappuccino per ciascun Lupetto, una bacinella con acqua.

Svolgimento

I Lupetti, accompagnati da Frate Leone, incontrano i 5 personaggi, che recitano a memoria un verso del Cantico delle Creature, si presentano brevemente e offrono un dono a ciascun Lupetto.

Introduzione…

Frate Leone porta i Lupetti in un luogo dove c’è disordine. Vedete quanta confusione?

Per terra i Lupetti troveranno dei foglietti di carta arrotolati con su scritto il loro nome e contraddistinti da quattro colori diversi. Ognuno di loro raccoglierà una carta a caso, leggerà il nome scritto e la consegnerà all’interessato formando via via i gruppi secondo i colori.

Frate Leone: “Anche all’origine dell’universo era così; c’erano tutti gli elementi, ma confusi… C’era bisogno di ordine, di armonia, di equilibrio

Per proseguire ci mettiamo in ordine raggruppati per colori che simboleggiano l’acqua, l’aria, la terra e il fuoco. Questi elementi li ha lodati anche San Francesco nel Cantico delle Creature.” Così il Frate li invita a percorrere con lui un viaggio di conoscenza degli elementi che il Creatore ci ha donato.

 

FUOCO

Lodato sii mio Signore, per fratello fuoco, attraverso il quale illumini la notte. È bello, giocondo, robusto e forte.

 Io sono il fuoco, sono molto importante, esisto da sempre, io illumino, dò calore e voi uomini vi servite di me in vari modi per cucinare, per riscaldarvi durante l’inverno… Purtroppo mi usano anche per distruggere, nelle guerre, per accaparrarsi il petrolio e le ricchezze di questo mondo, per il potere. Io vi chiedo di fare ciò che potete per cercare di salvaguardare il Creato nella bellezza e nell’armonia nel quale il Signore lo ha creato. Vi consegno questo “segno” (lumino) per ricordarvi che ognuno di voi è chiamato ad essere luce… però si dà la luce solo se si è disposti a perdersi/sciogliersi/bruciare come il fiammifero, cera, fuoco…

Dono: lumini

 

ACQUA

Lodato sii mio Signore, per sorella acqua, la quale è molto utile e umile, preziosa e pura.

Io sono l’acqua; si dice che proprio dentro di me è iniziata la vita sulla terra. Quello che è certo è che da sempre io sono l’ambiente in cui si sviluppa e cresce ogni essere vivente. Io porto vita, frescura, ristoro, pulizia. Posso portare anche distruzione e morte, specie se non mi si rispetta Io che da sempre sono un dono, oggi sono frutto di accaparramento, di conquista, di violenza, dove i potenti possono possedermi e molti popoli sono ridotti in carestia per la siccità. Sono un bene prezioso per tutti: ma non sempre condiviso! Come segno della vita molti popoli mi hanno scelta come elemento importante della loro religione (come i grandi fiumi sacri, …) Nella vita dei cristiani sto all’inizio, nel Battesimo, per questo vi segno con quel gesto sacro che avete ricevuto all’inizio della vostra vita cristiana.

Dono: segno di croce con acqua

 

TERRA

Lodato sii mio Signore, per nostra sorella madre terra, la quale ci dà nutrimento e ci mantiene: produce diversi frutti variopinti, con fiori ed erba.

Io sono la terra: non sono un suolo da calpestare, ma un grembo da cui germoglia ogni vegetale: dal più piccolo filo d’erba, ai maestosi pini e foreste. In me trovano rifugio tanti animali e l’uomo stesso nella sua storia, nelle mie montagne, colline, nelle campagne… “La terra non appartiene all’uomo, bensì è l’uomo che appartiene alla terra. Tutto ciò che si fa per la terra lo si fa per i nostri figli” Purtroppo in questi tempi non sono rispettata: l’inquinamento ha raggiunto quasi tutto il pianeta. Io do agli uomini i tesori che posseggo e loro mi lasciano solo rifiuti. Fate del vostro meglio per lasciare il mondo un po’ migliore di come lo avete trovato, e a rispettare l’ambiente in cui vivete… Segno di questo impegno il duro sasso che ricevete… Questa pietra così piccola ha milioni di anni e chiede che il vostro impegno sia allo stesso modo: forte e duraturo.

Dono: sasso pietra

 

ARIA

Lodato sii, mio Signore, per fratello vento, e per l’aria e per il cielo; quello nuvoloso e quello sereno, ogni tempo tramite il quale alle creature dai sostentamento.

Io sono l’aria, anche se non sono visibile sono indispensabile. Ogni essere è vivente grazie a me. Il primo respiro per voi esseri viventi è stato il soffio di Dio su un corpo inanimato che Dio ha reso vivente. Se state in silenzio mi sentirete e vi accorgete del prezioso legame tra la vita ed il respiro. Il mio equilibrio crea la vita ma la mia alterazione distrugge la vita eppure l’uomo non riesce a capirlo: crea delle combinazioni di gas le cui reazioni a  catena distruggono l’intero ecosistema. Voi potete fare tanto pensando che vivere in modo semplice è il modo giusto per iniziare a risolvere il problema. Vi faccio questo dono (le girandole) per ricordarvi che basta un soffio…

Dono: girandole

 

L’UOMO

Io sono l’uomo, l’unica creatura che porta l’immagine e la somiglianza del Creatore.

Io sono l’uomo una creatura speciale perché so pensare, ho sentimenti coscienti, conosco la giustizia, la bellezza, l’onore, l’amore… Però… nella mia storia, ho stravolto l’armonia che conoscevo e per cui ero stato creato: ho conosciuto la violenza, l’ingiustizia, ho rovinato, distrutto, ho ucciso. Io vi chiedo incontrare l’amore che troverete: nell’amore di una madre per il figlio, nell’amore di due fidanzati, due sposi, di una persona che spende la sua vita al servizio degli altri, specie i più poveri e deboli… Vi dono questo cuoricino per ricordarvi che siamo chiamati ad amare e in questo modo, continuiamo ad essere nel cuore di Dio…

Dono: cuoricino di carta

 

FRANCESCO

 “Oggi sono contento che voi siate qui dopo avete incontrato tutti i segni di Dio Creatore. La creazione è il più grande segno di Dio… Voi sapete quanto io ami il Creato: è il dono più grande che Nostro Signore ci ha dato. Ogni cosa mi riconduce a Dio lo sento nel sole, nella luna, nelle stelle, nel vento, nell’acqua, nel fuoco, nella terra e in ogni creatura come fratello e sorella… Quindi cari Lupetti io sono sicuro che farete tesoro di tutto questo e per ricordavi della fraternità che ci lega con il Creato vi faccio questo dono (nodo cappuccino).

Dono: nodo cappuccino

Al termine di questo incontro con Francesco i Lupetti sono invitati da Akela a leggere insieme il Cantico delle Creature come preghiera serale; Akela congeda i Lupetti augurando una buona e serena notte.

 

La Caccia Francescana proposta è stata realizzata alle Vacanze di Branco nel 2015, coinvolgendo i Branchi “Della Rupe” e “Roccia della Pace” del Gruppo Jesi 1.

Buona Caccia!

Stefano Cimarelli – Gruppo Jesi 1 – Distretto di Ancona

 

Scarica qui: Caccia Francescana dei 5 elementi

Caricando...