• Percorso di riferimento: Verde
  • Specialità / prova: Prima Classe – prova a scelta: Individuo almeno tre piante commestibili o medicinali e so come utilizzarle
  • Obiettivo: imparare a conoscere erbe e fiori e scoprire l’utilità
  • Materiali necessari: pentolino con acqua, fornellino o fuoco per farla bollire, erbe
  • Tempo di realizzazione: dipende dai metodi utilizzati / minimo 30 minuti
  • Stagione di realizzazione consigliata: estate

Serata fredda al Campo? Potreste riscaldarvi con una bella tisana… Ebbene sì, potete tranquillamente preparare il vostro infuso restando nella natura, senza dover acquistare alcunché. 

Per farlo, basta portare ad ebollizione dell’acqua in un pentolino e versarla su delle erbe precedentemente raccolte; coprite quindi il vostro recipiente con un coperchio o con un piattino, per evitare che gli olii si disperdano, e lasciate riposare.
In caso di erbe fresche basteranno 3 minuti di infusione; per le erbe secche potete lasciare riposare dai 5 ai 10 minuti; per le radici, come lo zenzero, fino ad massimo di 15 minuti.

Per non rendere le tisane troppo forti, ricordate che quelle di erbe fresche devono avere un colore giallo/verde chiaro, quelle a base di erbe secche e radici un colore più scuro e intenso. 
Trascorso il periodo di infusione, filtrate tutto con un colino a maglie fitte, mescolate e bevete.

Se desiderate smorzare il sapore spesso amarognolo delle tisane potete dolcificarle con del miele o aromatizzarle aggiungendo all’ infusione la radice di liquirizia o i semi di anice.

Ma quali erbe utilizzare? Ecco a voi alcuni esempi!

Erbe fresche: potete utilizzare della comune menta, facilmente reperibile, soprattutto nel centro Italia. La potete riconoscere dall’ inconfondibile profumo. Raccogliete foglie in quantità abbondante, lavatele accuratamente, tagliate i gambi e immergetele direttamente in acqua bollente. L’infuso che otterrete sarà un ottimo digestivo, con un’azione antisettica e antivirale. Potete anche berlo freddo, per dissetarvi e rinfrescarvi.

Erbe da essiccare: siete così fortunate da avere un bell’albero di eucalipto? Raccoglietene molte foglie per poi metterle a essiccare. Potete essiccarle al sole o ponendole all’interno di pesanti libri. Se utilizzate questa seconda tecnica ricordatevi di mettere anche un foglio di carta assorbente tra la foglia e la carta del libro, così da assicurare l’assorbimento dell’umidità e non rovinare le pagine. Controllatele periodicamente e cambiate il foglio assorbente, se necessario. Nel caso in cui vogliate accelerare il processo di essiccazione, potrete utilizzare il ferro da stiro. Questo metodo funziona meglio sulle foglie fresche che non hanno ancora cambiato colore o iniziato a seccare, ma bisogna avere l’accortezza di tamponarle con carta da cucina per asciugarle, se la superficie è bagnata. Posiziona una foglia tra due strati di carta oleata (o carta da forno), e metti uno strato di carta da cucina sulla superficie della carta oleata. Scalda un ferro da stiro, quindi passalo sopra la carta assorbente, tenendo premuto per 2-5 minuti o fino a quando non senti asciutto quel lato. Capovolgi i due fogli di carta oleata con la foglia, coprili di nuovo con la carta assorbente e ripeti.

Ancora un paio di idee per sfruttare le piante del vostro giardino:

  • Col basilico, sia fresco che essiccato, potete preparare un ottimo infuso digestivo. È inoltre utile per contrastare l’emicrania e l’alitosi.
  • Un perfetto infuso rilassante, da bere prima di andare a dormire, è invece quello dal profumo inconfondibile e intenso della lavanda, che scioglie le tensioni nervose della giornata.
    Questa tisana è efficace anche contro il mal di testa e, anche in questo caso, potete prepararla utilizzando sia i fiori freschi che quelli essiccati.

Fare un infuso in casa con erbe e fiori nel vostro orto o giardino è davvero semplice!
Saranno tisane efficaci, di alta qualità ma soprattutto genuine!

 

Caricando...